LA ZTL PIU' CONTROVERSA CHE CI SIA Il bicchiere mezzo vuoto della pedonalizzazione di via Consolare

Andare in basso

LA ZTL PIU' CONTROVERSA CHE CI SIA Il bicchiere mezzo vuoto della pedonalizzazione di via Consolare

Messaggio  Brother il Sab Mag 28, 2011 7:34 pm

Con ordinanza N.30/2011 diventa operativa l'istituzione dell'area pedonale in via Consolare e Piazza Giovanni XXIII; come le grandi città italiane anche Priverno ha la sua “ZTL” (zona a traffico limitato). Ma vediamo un po' di cosa si tratta. Sfogliando l'ordinanza arrivata al comando dei vigili urbani in data 21 maggio 2011, vengono specificate tutte le modalità d'attuazione di questo nuovo piano. Il tratto coinvolto è quello che abbiamo già nominato, un tratto stradale protetto da dissuasori mobili di tipo automatico a scomparsa, posizionati all'altezza delle intersezioni con Piazzale XX Settembre (Porta Romana), con via Federico Zaccaleoni (per capirci nei pressi del noto ristorante “Romoletto”) e con via Umberto I (zona piazza del Comune). Il periodo di sperimentazione si protrarrà fino al 30 di ottobre in cui orientativamente il centro storico rimarrà chiuso al traffico dalle 16.30 fino alle 20.00 (anche se in determinati periodi, specificati nell'ordinanza, ci sarà una riduzione dell'orario). Ovviamente in base alle numerose esigenze di chi abita il centro storico l'ordinanza prevede delle deroghe per determinate classi di utenti (residenti, titolari di passi carrabili, autorizzati per eccezionale/temporanea necessità) e di mezzi di trasporto (veicoli di polizia e soccorso, velocipedi, veicoli a braccia). Proprio i residenti dovranno richiedere, presso il comando dei vigili urbani, i telecomandi o l'abilitazione temporanea di telefoni cellulari per l'apertura dei dissuasori. Questo, a grandi linee, è quello che viene specificato nell'ordinanza.
Beh in effetti non si poteva sperare di meglio in un bel selciato sgombro da veicoli e smog, che permetterebbe ai privernati di riprendersi quel centro storico che è, scusate il gioco di parole, storicamente a dimensione d'uomo e non di veicolo. Ma ovviamente il bicchiere deve essere considerato, dipende dai punti di vista, o mezzo pieno o mezzo vuoto, e in questi giorni ho potuto constatare che i pessimisti rappresentato la maggioranza. Partiamo dai residenti che tutti, o quasi, si sono dichiarati contrari all'attuazione della Ztl, che li costringerebbe a non poche scomodità, dopo pesanti giornate lavorative, per godersi semplicemente il meritato riposo del dopo lavoro. Ma molto più agguerrita è la voce dei commercianti di via Consolare che a più riprese hanno fatto sentire a pieni polmoni la loro voce di dissenso. I motivi sono diversi ma tutti possono essere racchiusi in un'unica grande causa; lo spaventoso dislivello che si verrebbe a creare tra le attività di via Consolare e tutte le altre delle vie a piena circolazione stradale, principalmente quelle di via Giacomo Matteotti e via Cesare Battisti. Di questo i protagonisti ne sono certi, forte dell'esperienza che viene dal passato; sono ormai tre anni che l'amministrazione sperimenta a fasi alterne la chiusura pomeridiana al traffico nei fine settimana, che non ha fatto altro che dirottare la clientela verso gli esercizi commerciali più facilmente raggiungibili. Rimane comunque il fatto che il nodo più controverso della questione è quello del “Centro Commerciale Naturale” che, nonostante comprenda oltre agli esercizi commerciali di via Consolare anche quelli di via Giacomo Matteotti e di via Cesare Battisti, ignora l'allargamento della zona a traffico limitato a quest'ultimi due tratti. Il perchè non ci è dato saperlo, ma di una cosa siamo sicuri, è che questo trattamento estremamente disuguale non potrà che avere gravi conseguenze su quelle attività che attualmente non stanno vivendo un momento estremamente florido. Chi abitualmente, come me, è solito passeggiare lungo via Consolare non può non fare caso ai numerosi cartelli affittasi/vendesi affissi su garage e vetrate un tempo attive. Uno squilibrio tra le attività messo ancor più in evidenza dalla realizzazione dei numerosi parcheggi di via Cesare Battisti che, nonostante soddisfi nei migliori dei modi le necessità dei “pipernesi automobilizzati” (che non muovono un passo a piedi), contestualmente premia in modo indebito gli operatori di quel tratto a sfavore dei più volte ricordati.
Insomma l'opinione dei commercianti di via Consolare è una e inequivocabile: non c'è bisogno di aspettare ottobre per capire che l'iniziativa sarà un ulteriore flop che mette a rischio di cessata attività numerosi esercizi commerciali. L'appello di quest'ultimi è che il tempo sia galantuomo e che faccia giustizia degli amministratori opportunisti che non sanno e non vogliono misurarsi con le reali esigenze di tutte le componenti sociali della nostra comunità. E voi su tutta questa faccenda, cosa ne pensate?

Brother

Messaggi : 89
Data d'iscrizione : 03.04.10

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Immagine

Messaggio  Brother il Dom Mag 29, 2011 8:28 pm


Brother

Messaggi : 89
Data d'iscrizione : 03.04.10

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum