Risparmio energetico: “guerra ai vampiri del consumo”(articolo)

Andare in basso

Risparmio energetico: “guerra ai vampiri del consumo”(articolo)

Messaggio  Eddie il Lun Gen 24, 2011 4:01 pm

Risparmio energetico: “guerra ai vampiri del consumo”

Sono tantissimi, molto più pericolosi e meno brillantinati rispetto a quelli descritti al cinema, operano spietatamente anche tutto il giorno, parlo dei vampiri, quelli veri, che non succhiano sangue bensì elettricità, che io stesso chiamo i “vampiri del consumo”, innoqui se si considera la nostra incolumità, ma spietati se consideriamo quella del nostro portafoglio.
Scherzi a parte, i vampiri di cui parlo sono gli elettrodomestici, i cordless, i computer, insomma tutto ciò che è composto da circuiti dove la corrente può circolare, e che proprio per questo motivo, minacciano il nostro portafoglio mediante il loro “peso” (in Kwh) accumulato ogni giorno, e che a fine anno grava sulle nostre bollette. Molti di questi apparecchi infatti continuano a consumare energia elettrica anche nel momento in cui non vengono utilizzati, ad esempio durante nota modalità “standby” (se resta la spia accesa è ovvio che circoli ancora corrente).
Per darvi un’idea complessiva di ciò di cui sto parlando, invito ogni lettore a consultare la seguente scheda:

Consumo energetico di alcuni apparecchi in modalità standby

Apparecchio potenza erogata Consumo annuo(kWh) Costo annuo(euro)
in standby watt
Televisore nuovo 1 6,55 1,13
Televisore vecchio 10 65,52 11,26
Forno a microonde vecchio 2 16,74 2,88
Videoregistratore 6 45,86 7,88
Decoder 1 6,55 1,13
Stereo 20 131,04 22,53
Radio 2 13,1 2,25
Computer 5 32,76 5,63
Schermo 5 32,76 5,63
Carica-batterie del cellulare 1 8,01 1,38
Telefono cordless 3 22,93 3,94
Segreteria telefonica 3 24,02 4,13
Fax 1 8,01 1,38

Costi calcolati in base a un prezzo dell’energia di 0,1719 Euro/chilowattora), fonte: http://www.centroconsumatori.it .

Vi siete mai chiesti quando "vi costa" in bolletta tenere in stand by la vostra Tv? Una televisione in stato di stand by, in pratica con la lucetta rossa accesa, assorbe una potenza di 1-4 Watt ogni ora a seconda del modello. In 24 ore la vostra Tv "spenta" ha consumato dai 24 ai 96 Watt. In un anno la "lucetta rossa" della TV accesa l'avrete pagata in bolletta dagli 8760 Watts (8 KW/h) ai 35040 Watts (35 kW/h). Quanto costa un chilowatt? Per saperlo prendete l'ultima bolletta e fate quattro calcoli. In media circa 14-15 centesimi di euro.
I valori riportati qui sotto sono invece sono i principali consumi energetici ottenuti mediamente in casa(ovviamente hanno titolo puramente indicativo.):

3% lavastoviglie
9% cucina elettrica
11% frigorifero
10% congelatore
4% lavatrice
3% asciugatrice
7% computer, tv e audio
8% illuminazione
15% Produzione acqua calda
30% piccoli elettrodomestici, pompa della caldaia ecc..

Ora che il problema è stato sollevato, proviamo a passare alla formulazione delle probabili soluzioni/consigli da adottare, affiché si possano limitare il più possibile gli sprechi dovuti ai consumi di questi fantomatici vampiri.

Alcuni di sono di facile implementazione come:
• Utilizzare lampadine a basso consumo;
• spegnere sempre la luce quando si abbandona una stanza;
• spegnere il televisore, lo stereo, la macchina del caffè ecc. mediante l’interruttore generale, evitando la modalità stand-by (anche la lucina rossa dello stand-by consuma corrente);
• utilizzare lavatrice e lavastoviglie solo a pieno carico;
• Sostituire i vecchi elettrodomestici, con quelli di nuova generazione che sono a norma e consumano molto di meno;

Altri invece un pò più scomodi, e forse maniacali ma non meno efficienti come:
• se possibile, collocare frigorifero e congelatore in un luogo freddo della casa;
• scegliere frigorifero e congelatore di dimensione adeguante all'effettivo fabbisogno della famiglia;
• utilizzare pentole e padelle di dimensioni adeguate al piano di cottura;
• durante la cottura coprire i tegami con il coperchio;
• spegnere la piastra elettrica e il forno un po’ prima della fine cottura, al fine di sfruttare il calore residuo;
• utilizzare preferibilmente la pentola a pressione;
• preriscaldare il forno solo per il tempo strettamente necessario;
• inumidire leggermente gli indumenti prima di stirarli.


E’ statisticamente verificato che riuscendo ad adottare anche solo alcuni dei precedenti consigli, si avrà a distanza di un anno un valido contributo in termini di risparmio nella bolletta (provare per credere).
Ma non finisce qui, recentemente è stato messo in campo un nuovo provvedimento, a mio avvisio molto importante, il cui promotore è “l’Autorità per l’energia elettrica e il gas”, ovvero l’introduzione di tariffe aventi prezzi bioari, che sostanzialmente sugerisce l’ultizzo degli elettrodomestici durante delle fasce orarie (denominate f2 e f3), dove l’energia costerà meno (visto la minor richiesta da parte del mercato), tale soluzione potrebbe determinare un notevole incremento del risparmio energetico quindi economico, nonché un notevole beneficio per l’ambiente, infatti l’autorità stima che se si spostasse il 10% dei consumi totali nelle fasce f1 f3, ogni anno si ridurrebbero le emissioni di anidrite carbonica di 450.000 tonnellate.

Insomma se usato nella giusta maniera la convenienza sarà ottimale, e per far si l’autorità mette a disposizione sul proprio sito http://www.autorita.energia.it due facili strumenti: il “pesa consumi” per calcolare quanto i nostri elettrodomestici influiscano sul nostro consumo giornaliero, e poi il “ trova offerte ” per confrontare le varie offerte del mercato libero, nel caso non si volesse approfittare dei prezzi biorari. Inoltre per ulteriori informazioni si può scegliere di chiamare il numero verde 800 166654 (dal lunedi al venerdi 08.00 - 18.00).

Questo è il video promozionale dell’autorità:
https://www.youtube.com/watch?v=_xdpIF0AOZ4&feature=player_embedded, spero che oggi io sia riuscito a dare a tutti voi una buona notizia, o magari un parziale aiuto nella lotta contro la crisi.


Simone D’Errico

Eddie

Messaggi : 6
Data d'iscrizione : 24.01.11

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

cosi non va...

Messaggio  antonio di giorgio il Lun Gen 24, 2011 10:23 pm

non critico assolutamente i contenuti ma non è troppo lungo simo!!! questo articolo va bene per un giornale ma per un blog è veramente troppo...diciamo che dovresti dimezzarlo per andare bene. questo post è composto da 890 parole mentre l'ideale dei post da blog è 400 parole, al max puoi arrivare a 300...che dici??? ce la puoi fare ad accorciarlo?

antonio di giorgio

Messaggi : 88
Data d'iscrizione : 08.04.10

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Ci può anche stare

Messaggio  Pietrodeligia il Mar Gen 25, 2011 4:43 pm

Vista la forma del post(tabelle e altro), con qualche aggiustamento da fare insieme lo rendiamo pubblicabile....bravo simone!

Pietrodeligia

Messaggi : 79
Data d'iscrizione : 02.04.10

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Risparmio energetico: “guerra ai vampiri del consumo”(articolo)

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum